25.09.2013. Trentino

Sicurezza, in arrivo 4000 questionari ai cittadini

Si possono rendere i cittadini protagonisti nella creazione di politiche e interventi sulla sicurezza urbana?

Questo sarà possibile anche grazie alla prima "Indagine sulla sicurezza oggettiva e soggettiva nel comune di Trento", che verrà realizzata in ottobre all'interno del progetto europeo "eSecurity - ICT for knowledge-based and predictive urban security". Il progetto eSecurity, co-finanziato dalla Commissione europea e coordinato dal gruppo di ricerca eCrime della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Trento, in collaborazione con la Questura di Trento, il Center for Information Technologies di FBK e il Comune di Trento, ha lo scopo di elaborare una piattaforma informatica innovativa per la raccolta di dati su crimini, disordine urbano e insicurezza percepita, finalizzata alla predizione e alla prevenzione della criminalità e alla gestione della sicurezza urbana, per assistere le forze di polizia e gli amministratori locali. L'indagine sulla sicurezza è un tassello fondamentale di eSecurity e metterà la comunità trentina al centro di questa grande ricerca, coinvolgendo nella compilazione di un questionario via internet un campione rappresentativo di circa 4.000 residenti nel capoluogo, estratti casualmente dagli archivi anagrafici comunali. [...]