27.03.2015. Il Fatto 24 ore

Sicurezza a Trento: continua l’indagine alla cittadinanza promossa da eSecurity

Durerà tutto il mese di aprile l’ultimo round dell’Indagine sulla sicurezza oggettiva e soggettiva nel comune di Trento, promossa nell’ambito del progetto europeo eSecurity, che vede intervistato sul tema un campione di 4058 cittadini residenti nelle 12 circoscrizioni.

Si tratta di somministrare alcuni questionari che aiutano a fornire un quadro completo e veritiero della situazione della criminalità tramite le informazioni della cittadinanza, ed avere così la sua percezione dell’insicurezza e del degrado urbano della città di Trento nell’ultimo anno. Si parla di ultimo round perché prima di questo l’indagine era stata già svolta tre volte: a ottobre 2013 e poi ad aprile e ottobre 2014, insomma, ogni sei mesi.

L’indagine, la prima nel suo genere, è realizzata nell’ambito del progetto europeo eSecurity, primo progetto al mondo di sicurezza urbana predittiva, coordinato dal centro di ricerca eCrime della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento, in collaborazione con la Questura di Trento, la Fondazione Bruno Kessler e il Comune di Trento. Il progetto è co-finanziato dalla Commissione europea (Direzione Generale Affari Interni). [...]