27.10.2015. Corriere del Trentino

eSecurity, la mappa del crimine. I ladri preferiscono il giovedì

«Forse sarò un po' impopolare, ma devo dire che Trento è una città sicura». Quella di Andrea Di Nicola non è solo una battuta. Nonostante quelle parole abbiano fatto sorridere le oltre centocinquanta persone che ieri hanno assistito alla presentazione dei risultati finali del progetto eSecurity, esse racchiudono uno dei motivi per cui eCrime, di cui Di Nicola è coordinatore scientifico, la Fondazione Bruno Kessler, la questura e il Comune di Trento hanno collaborato negli ultimi tre anni alla realizzazione del progetto: avere dati certi sui quali lavorare.

Perché una cosa è valutare la percezione della sicurezza che hanno i cittadini, di cui eSecurity tiene abbondantemente conto, e un'altra è incrociare le informazioni sui reati denunciati e con altre riguardanti l'illuminazione, il meteo, il reticolo stradale, il traffico e i movimenti delle persone. Il risultato per esempio è che «dal 2011 al 2014 il tasso di criminalità in Piazza Dante si è ridotto notevolmente grazie ai numerosi interventi di riqualificazione e agli interventi della polizia, tuttavia il senso di insicurezza è rimasto stabile». Dalle mappe di rischio a livello urbano elaborate da eSecurity emerge poi che «i furti in abitazione si registrano più spesso di mattina e non di sera» e che il giorno prediletto dai ladri per intrufolarsi nelle case dei trentini è «il giovedì, giorno di mercato, quando molte persone sono fuori casa». [...]