24.09.2013. eSecurity

Rilevazione del disordine urbano

Nel mese di ottobre Trento sarà teatro della prima Rilevazione del disordine urbano sul territorio cittadino, ad opera della Questura di Trento in partnership con l’Università di Trento e la Fondazione Bruno Kessler.

I fenomeni di degrado urbano di tipo fisico (es. edifici o rifiuti abbandonati, graffiti, parchi mal gestiti) e sociale (es. accattoni, prostitute, tossicodipendenti) saranno osservati dai poliziotti di quartiere in ogni circoscrizione del capoluogo trentino e raccolti in una banca dati, grazie ad una specifica applicazione. Questi dati contribuiranno a sviluppare la piattaforma eSecurity.Trento, finalizzata alla prevenzione della criminalità e alla gestione della sicurezza in ambito urbano.